"L'acqua percossa dall'acqua fa circuli intorno al loco percosso; per lunga distanza la voce infra l'aria; più lunga infra il foco; più la Mente infra l'Universo"

L’Associazione Monte Peglia per Unesco nata dal basso da cittadini consapevoli ha ideato, progettato e realizzato - anche sulla scorta dei Protocolli di Intesa con l’Agenzia forestale regionale dell’Umbria approvati e condivisi alla unanimità da tutti i firmatari soggetti pubblici e privati con la sottoscrizione del Dossier di Candidatura - la istituzione della Riserva Mondiale della Biosfera UNESCO del Monte Peglia, proclamata il 26 luglio 2018 dall’Assemblea mondiale UNESCO tenutasi in Indonesia.

 

Ne abbiamo grande orgoglio: per tutti noi e per l'Umbria e per l'Italia e per l'Europa.

 

L’Associazione, che ha conseguito la personalità giuridica, ha per oggetto la ideazione, promozione e diffusione di innovazioni, buone pratiche d’uso del territorio, modelli e filosofie sostenibili in attuazione e in accordo con i principi della Statutory Framework MAB UNESCO, nonché la gestione, tutela, e valorizzazione della Riserva Mondiale della Biosfera UNESCO del Monte Peglia; l’Associazione ha sulla scorta del riconoscimento internazionale il coordinamento, la rappresentanza e la titolarità giuridica ella Riserva Mondiale della Biosfera Unesco del Monte Peglia nelle Sedi nazionali e internazionali.

 

L’istituzione della Riserva della Biosfera Unesco del Monte Peglia, la prima volta per l’Umbria, realizzata su iniziativa di privati cittadini consapevoli rappresenta una straordinaria opportunità di sviluppo sostenibile per i territori della Riserva e per la Regione intera e zone limitrofe. La Riserva è volano di sviluppo dell’economia e dei processi di coesione democratica ad ogni livello.

 

L’Associazione Monte Peglia per Unesco, è un soggetto indipendente che ha attivato delle forme di cooperazione inter-istituzionale di elevato profilo, volti alla ideazione e diffusione di modelli sostenibili, fortemente orientate alla diffusione dei diritti universali per come contenuti nella Carta istitutiva dell’Unesco e volte a creare forme nuove di cooperazione anche internazionali, con elevazione complessiva della qualità e legalità del sistema.

 

E’ stato creato inoltre un Comitato scientifico di elevato profilo, del quale fanno parte il Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR IRET -  e varie Università. 

 

L’Associazione esercita in autonomia ed indipendenza, nella più ampia cooperazione istituzionale, le prerogative volte alla rappresentanza e al coordinamento della Riserva della Biosfera Unesco del Monte Peglia, in esecuzione del Progetto approvato nelle Sedi internazionali. 

Il dottor Francesco Paola (Roma, dicembre 1963) rappresenta l’associazione “MontePegliaperUnesco” e ne ha elaborato il progetto.

 

E’ un avvocato e uno studioso del fenomeno dei conflitti di interesse, dei rapporti tra proprietà industriale e concorrenza e tra democrazia ed economia, autore di vari scritti sul tema e di due saggi, “Il governo dei conflitti” (Longanesi Milano, e TEA Libri in seconda edizione), sul fenomeno dei conflitti di interesse, e “I soldi dei partiti” (Marsilio Venezia), sull’impatto dei fondi alla politica sulla evoluzione e sulle dinamiche dei sistemi politici.

 

Si laurea in giurisprudenza all’Università di Roma nel luglio 1985 in Procedura penale con il professore Franco Cordero, con tesi dal titolo "Regressione inquisitoria nella legge sui pentiti", che realizza lo studio e il raffronto tra i processi inquisitori ad esempio quello a Giordano Bruno, effettuato su testi dell’epoca, e il processo moderno.  Con Franco Cordero collabora negli anni successivi presso la cattedra di Procedura penale della Facoltà di Giurisprudenza della Università “La Sapienza” di Roma.

 

Dopo la laurea svolge il servizio di leva quale Ufficiale nella Guardia di Finanza presso il Centro di Psicologia Applicata del Corpo.

 

Si dedica alla libera professione e si iscrive all’Albo degli Avvocati nel marzo 1987 ed è Avvocato patrocinante dinanzi alla Corte di Cassazione e alle Giurisdizioni superiori dal marzo 2000.

 

Difende privati ed imprese nei settori del diritto penale commerciale, dei rapporti tra concorrenza sleale eintellectual property e tra concorrenza sleale e diritto penale, i diritti di elettorato, i fondi alla politica, la tutela delle parti lese nel caso di apposizione del segreto di Stato.

 

Assiste imprese italiane sul piano delle scelte strategiche, in contratti internazionali e nei rapporti con le Istituzioni pubbliche e private interne e con l’estero, ed ha avuto tra i propri assistiti Magistrati, giornalisti, esponenti politici, imprese, e i poeti Mario Luzi e Maria Luisa Spaziani.

 

Ha difeso le parti lese in delicati processi di diritto penale commerciale, ha assunto la difesa dei diritti delle vittime dei reati nel caso di apposizione indebita del segreto di Stato, ha difeso esponenti e Gruppi politici in processi aventi ad oggetto le deviazioni dallo scopo costituzionale dei fondi pubblici alla politica, anche contro la Camera dei deputati quale ente erogatore dei fondi.

 

È autore di vari studi e voci monografiche su temi di diritto processuale penale e ad esempio delle vocipubblicate sul Digesto delle Scienze penalistiche UTET Torino, “Azione civile e processo penale”, “Errore” in diritto processuale penale, “Notificazioni” processuali penali inclusa la voce di aggiornamento, “Ricognizioni”, “Individuazione di persone e di cose”, “Questioni pregiudiziali”; di scritti pubblicati sulla Rivista della Guardia di Finanza sui temi dei poteri degli organi di controllo nei settori delle frodi comunitarie e in materia processuale penale; dei saggi pubblicatisul Manuale della concorrenza, UTET Torino, sui rapporti tra concorrenza e proprietà industriale e tra concorrenza di diritto penale (“Proprietà industriale e concorrenza”, “Concorrenza e diritto penale”). E’ uno studioso del fenomeno dei conflitti di interesse e dell’asimmetria informativa, dei sistemi cooperativi in materia di brevetti (“patent pools” e altro), dei rapporti tra democrazia ed economia e dell’impatto dei fondi alla politica sulle dinamiche dei sistemi politici, ed autore della voce“Gerechtigkeit” (“Giustizia”), pubblicata sulla rivista svizzera “DU”, dei saggi “Il governo dei conflitti. L’irrinunciabile soluzione dei conflitti di interesse per la democrazia e perl’economia”, Longanesi Milano e Tea libri, “I soldi dei partiti” Marsilio Venezia, di un saggio sulle attuali dinamiche politiche sulla rivista di scienza politica “Rivista di politica”, di un saggio sui sistemi di cooperazione tra brevetti nei settori ad elevata evoluzione incrementale come modello di sviluppo(“Ideas on Patent Pools as a New Model of Development” su SSRN ove è stato tra i primi dieci saggi più letti nei primi sessanta giorni dalla pubblicazione, e da ultimo dell’e-book e web documentario“TAV Chi Si” sui temi delle grandi opere e della trasparenza negli appalti.

 

Ha conseguito il Master di Gestione di Azienda promosso dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Perugia con tesi sui rapporti tra “Concorrenza e proprietà industriale” e sui modelli di sviluppo eincentivi alla brevettazione per le Piccole e Medie Imprese.

 

Ha promosso ed è stato dal 2012 al 2014 Chairman della “Study Mission” del Gruppo internazionale “DVB Project” sui temi della Innovazione in Proprietà industriale, con riguardo in particolare allo studio dei modelli di cooperazione tra brevetti nel settore digitale, questioni che va approfondendo nella fase attuale.

 

Nel 2014 e nel 2015 è Direttore scientifico del Master “La nuova legge anticorruzione nella Pubblica Amministrazione" organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza della Università di Roma Unicusano e procede alla ideazione e scrittura del programma e alla selezione dei docenti con pieno apprezzamento del Preside della Facoltà.

 

Nel settembre 2015 Francesco Paola è stato tra i Relatori al Corso organizzato dalla Scuola Superiore della Magistratura in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dal titolo "Segreto di Stato e procedimento penale", rivolto a Magistrati ed esponenti dei Servizi di sicurezza. La Relazione ha trattato i temi della tutela del diritto di difesa anche nella sua dimensione transnazionale nel caso di opposizione del segreto di Stato e sarà oggetto di pubblicazione.

 

la carta della riserva

 
contattaci

Via Oberdan 56

Perugia PG 06121

montepegliaperunesco@yahoo.it

connettiti con noi

monte peglia per unesco

© 2023 Monte Peglia per Unesco   WEB DESIGNER mauriarte.esposito@live.it

5X1000 banner.jpg